Recensione Brave 27 CM´s Linebarrels: Normal, Mode B, Mode C

Linebarrels-of-Iron-Cover

Oggi partendo da una riflessione fatta tra le piastrelle della mia “rest room“, vi voglio descrivere un oggetto, invero ben tre!, che mi affascina perché abbastanza controverso e originale. E sí, come vi dicevo, tra le piastrelle crema del mio bagno, la mia mente vagava in campi di bestemmie contro l´etica di Bandai e il fatto che ormai mi sto disinnamorando del mio unico vero amore (i robot giapponesi!!!!), quindi ho voluto reagire e mi son detto ” ok, ma dove sta scritto che devo rincorrere tutto a filo dritto? Perché non concentrarsi solo sulle cose che davvero piacciono o di una certa raritá nonché originalitá, e sognando in 3D, oggetti che suppongo non verranno mai ristampati.” E quindi ho pensato al famigerato Mazinkaiser Purple version Aoshima (o Milka version ahahaah) cosi mal accolto (e stampato in circa 300 o 1500 copie non ricordo), al Linebarrels Mode B e altri ancora. Quindi, scusandomi per la lunga e intimistica (appunto da camera) riflessione, partirei a bomba cercando di essere coinciso con la recensione di questo modello prodotto in tutte e 3 le differenti versioni presenti dell´anime di riferimento: Il Linebarrel in Normal Mode, Mode B e Mode C. (nell´anime si chiama Linebarel, CM´s ha scritto sulla scatola Linebarrels…)

L´anime:

Non mi dilungheró nella descrizione dell´anime. Voglio solo consigliarvelo. L´ho visto forse 5 anni fa e mi é piaciuto molto. Lí dove gli Eva segnano la discontinutitá tra il vecchio e il nuovo, se i robotttoni gonagaiani sono appunto il vecchio testamento, il Linebarrel rientra nella concezione dei nuovi Mecha, accanto a macchine dal design (e funzionalitá eccelse e plausibili) come quelle di Zegapain etc. Quindi per i nostalgici insoddisfatti  e i curiosi, o semplicemente per gli ingegnere aerospaziali ed elettronici in ascolto direi, guardatevi il Linebarrels (edito dalla Studio Gonzo). Vorrei sottolineare che il design di questi modelli (si poi ripreso da altre serie robotiche etc) é per me nuovissimo, I piedi scompaiono (infatti a cosa servono i piedi a robot fluttuanti, o addirittura spaziali) e ritroviamo una serie di ali, code e catene in delle declinazioni del tutto nuove ed originalissime. Belli i “Machina” di questa serie e quasi una rottura con la scuola tradizionale, veramente qualcosa di nuovo e da avere in vetrina!!

Per chi voglia approfondire ecco quí 2 link rispettivamente in italiano (misero) e in inglese su wikipedia.

Descrizione generica del modello:cms65293_0

Serie : Brave Gohkin
Produttore : Cms
Codice Modello : Brave 27
Nome Modello : Linebarrel
Serie Tv : Linebarrels of Iron.
Anno : 2009
Prezzo in Yen : 17.800 Yen
Altezza : 18 Cm

Le tre versioni del Linebarell of Iron si distinguono solo per una diversa colorazione e per l’aggiunta di una gift rappresentante Emi Kizaki nuda nella release Mode B e Mode C. La scatola é abbastanza tipica per CM´s nelle sue illustrazioni, ma abbastanza sottile e il blister dove é contenuto il modello e gli accessori é in plastica trasparente. Nel blister troviamo semplici accessori quali vari set di mani, spade da Kendo da applicare agli avambracci, spada laser e fucile e code e altri inserti per ottenere la versione overdrive (ovvero incazzata). Presente anche la basetta espositiva e il libretto a colori. Niente di entusiasmante o eccitante ma tutto sobrio e in linea con il segmento a cui questo modello dovrebbe appartenere. Il contenuto di metallo é soddisbacente, per le dimensioni ed articolazioni di molti particolari, la plastica risulta d´obbligo. Da sottolineare ancora una volta la possibilitá di trasformare il modello (a mo di pavone) nella modalitá overdrive. Il modello é alto circa 18 cm, pesa meno di 200 grammi, ma dato il design del robot, nonostante una testolina quasi a spillo (che lo rende alquanto gracile all’occhio), risulta molto dinamico e plastico, quasi barocco oserei dire, mi risulta facile percepirne (anche grazie alla coda) un turbinio (non di vesti ed ali piumate come negli angeli barocchi) di placche metalliche e lame e piastre d’acciaio. Le tre colorazioni a mio avviso sono esaustive e in linea con l´anime.

Bravegokin27_Linebarrel2_18cm__1239207434 CMS65296e

                                                                                                                                                    La versione Normal a predominaza di bianco é veramente bella e fresca, indubbiamente quella comandata. La colorazione Mode B, nera (in realtá antracite, grigio e marrone) é veramente cattiva e gotica, quella rosa del Mode C (rosa antico!) risulta comica. I prezzi per la versione normal si aggirano tra i 100 e i 130 euro direi, la versione Mode C (rosa) l’ho vista anche a 50 euro, snobbata dai piú, ad oggi abbastanza difficile da trovare, alcuni ubriaconi chiedono 220 euro per questa, e la versione Mode B (limitata a 300 copie) é praticamente irreperibile, a volte la si vede in giappone intorno a 300 euro.

MODE B

6c9fa64f143d5d0ff06c9b6398b3f323.image.406x500     TOY-RBT-0855

                                                                                                                                                                                                                                           

MODE C

2729_4

Concludo dicendo che nella vetrina del collezionista attento la normal mode non deve mancare (e va visto anche l´anime per dare un senso al modellino), sicuramente un bel vedere accanto ai Patlabor o Gundam e in contrasto con i modelli piú umanoidi (gli Eva per esempio). Per quel che riguarda la mia collezione, la versione Mode B mi arrivó a casa quasi per caso o per errore, in un primo momento non sapevo che farmene e dopo averla dimenticata ancora sigillata in garage, un bel giorno ho realizzato di avere un´altra raritá! E proprio tali raritá voglio continuare a mantenere e ricercare.

Di seguito la video recensione.

Stakio

Informazioni su stakio

collezionista e appassionato robot giapponesi!
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni modelli e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...