Recensione: GX-34 GUNBUSTER Bandai Soul of Chogokin

GX-34 GUNBUSTER Bandai SOC

gunbuster-noriko1

Il Gunbuster é il robottone protagonista dell´anime futuristica “Aim to the top! Gunbuster”, un serie di 6 OVA editi nel 1988 e prodotta dalla Gainax. Innanzitutto questa poco conosciuta serie in italia (distribuita dalla Dynit inspiegabilmente in lingua originale con sottotitoli), che non nasconde una certa riverenza al film “Top Gun” e alla serie anime dedicata al tennis “Aim for the ACE!” é a mio parere una pietra miliare dell´animazione nipponica e la annovererei tra le serie fantascientifiche che trattano problemi pratici e realistici e come la “Relativitá” o in generale la fisica. Se molti celebrano “2001 Odissea nello Spazio”  come primo e forse unico film real- science- fiction (a causa del fatto che nello Spazio, in assenza di aria i suoni non vengono trasmessi, tanto per fare un esempio), beh io dico che Aim to the top! Gunbuster é altrettanto scientificamente corretto a causa della trattativa lagata alla percezione del tempo alle alte velocitá. Le eroine dell´anime, infatti, facendo viaggi interplanetari a velocitá prossime a quelle della luce, invecchiano molto piu´ lentamente rispetto all´umanitá presente sul pianeta Terra.. dove si avvicendano generazioni mentre le due combattenti lottano nello spazio; e beh ragazzi… a me basta questo per affermare che questa serie va vista ed idolatrata… e poi parliamo del vero battesimo di fuoco di Hideaki Anno, colui che con Evangelion ha sconvolto per sempre le nostre esistenze. Ok… scusate la prolissitá ma ho necessitá di esprimermi a riguardo! Per quelli che… non si accontentano di seguito vi é un link sulla pagina Wiki.

Partiamo con la recensione vera e propria del modello edito da Bandai nella serie Soul of Chogokin (anticipo che Alex a breve pubblicherá per la serie SRC la recensione dell´analogo modello).

Nome Gunbuster
Fabbricante Bandai
Linea Soul of Chogokin
Numero GX-34
Data di uscita 2006
Materiale
PVC, Diecast, ABS
Prezzo ????

1.pgInutile girarci a torno, vi dico subito che senza ombra di dubbio (versioni super rasissime e da giolielleria a parte, come i vari gx-01RB, gx-13R o altro ) é il SOC migliore in assoluto. Non credo questa sia la mia personale idea, ma un dato di fatto, Bandai qui ha superato se stessa e anche le creazioni impossibili dello Studio Half Eye. Il grado di dettaglio, la posabilitá e le trasformazioni complessissime (ebbene si… pur avendolo da anni non ho mai osato trasformarlo ed esporlo!! shame on me!!), nonché il corredo di armi e la base espositiva, rendono il Gunbuster Bandai un oggetto di ingegneria raffinatissima e di grande impatto collezionistico. Non a caso il suo prezzo é elevatissimo, si va dalle 450 alle 700 euro (pazzi in giappone ne chiadono oltre mille euro!) sulle varie inserzioni online.

La scatola é grossa, tra le piú grandi prodette da Bandai e al suo interno, nell´alloggiamento in polistirolo troviamo subito le due navi spaziali nelle loro bustine. Giá due navi: Buster Machine one e Buster Machine two che combinandosi assieme daranno vita al Gunbuster.

2 untitledIl corredo di armi é esaltante e lo stand espositivo é davvero tra i piú evocativi della serie SOC. Piccola chicca, il mantello in tessuto, sublime poi la posa con cannoni spianati al massimo! (braccia e gambe completamente “esplose” per dar via libera alla massina potenza di fuoco). E che dire poi del Gunbuster con piastra pettorale aperta per alimentare la bomba risolutiva? Sul serio… non mi sovviene nulla di paragonabile a questo modello, come arsenale bellico e come ingegneria della trasformazione.

6

5

Varrebbe bene vendersi un Fewture per raccimolare soldi e con un pó di fortuna portare a casa il gx-34 per 350 euro.

Passiamo ai contro… Tecnicamente “contro” non ce ne sarebbero (se non delle sfumature di colore nell´ABS che costituisce il modello… forse qui si poteva fare meglio per ottenere la perfezione di una colorazione uniforme). Il prezzo da pagare per un modello cosí complesso e articolato é un´ alta percentuale di platica (ABS appunto) e una fragilitá intrinseca dai mille e mille gancetti e innesti del modello… da maneggiare con cura e possibilmente non assimilate caffeina o eccitanti prima di trasformarlo!

Straconsigliato! Viva Bandai e viva Gainax!

Foto eloquenti!

3ajpg4

Carrellata di foto infinita clicka qui

Di seguito un video per dimostrare che “Si puuuuuuuuoó fareeeeeee” le due navi trasformate assieme generano davvero il Gunbuster… anche se realizzare un origami di dieci fogli sembra un gioco da ragazzi a confronto…

Informazioni su stakio

collezionista e appassionato robot giapponesi!
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni modelli e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...