Recensione Max Factory GaoGaiGar Genesic: prima versione 1 e ristampa 1.5 Final Ver.

Max Gokin GGGG: GaoGaiGar Genesic 1 & 1.5 Final Ver. by Max Factory

Genesic.Gaogaigar.full.610668

Volevamo stupirvi con effetti speciali ed invece lo faremo con il GGGG della Max Factory.

L´anime da cui questo modello é stato tratto é un capitolo della famosa (in Giappone) e lunghissima saga riguardante il GaoGaiGar (a sua volta capitolo di una saga ancora piu´amplia) dove fondamentalmente in un unico mecha (ovvero anime serie) confluiscono tutti gli oggetti piú bramati dai bimbi giapponesi: robot, aerei, treni, veicoli e chiaramente son tutti trasformabili e assemblabili.

In questa recensione ci soffermeremo solo sul GGGG edito da Max Factory senza scomodare tutti i vari mecha (molti dei quali prodotti da CM`s nella serie Brave o da Bandai per gli SRC) estrapolati dalla suddetta saga.

Di seguito, per i piú esigenti, vi é un link alla pagina wikipedia in inglese sul GGGG.

Passiamo ora alla recensione del modello o meglio dei 2 modelli: prima versione (2004) e ristampa migliorata (2007).

07006htm

Nome Gaogaigar Genesic Final
Casa produttrice Max Factory
Linea Max Gokin
Data 2004 e 2007 (ultima ristampa)
Materiali PVC Diecast ABS
Categoria Chogokin
Serie Gaogairgar The king of braves
Prezzo (in Yen) ¥ 18000

Il GGGG é per definizione “croce e delizia” dei collezionisti. Io direi il Nadir e lo Zenith (esatto… il punto piú basso e meschino del collezionismo robotico e l´apice piú sublime). Mi speigo: Max Factory ha prodotto due versioni: la prima, di “cristallo” bella solo a vedersi… e forse neanche tanto visto le sbavature di colore e altri difetti “visivi” e la seconda versione seria e robusta, diciamo che han fatto come si faceva a scuola con i temini compositivi: la brutta copia (che costava e costa un patrimonio) e le bella copia (che costa due patrimoni!!). Ora nella prima versione il GGGG oltre a presentare dei consueti difetti per le vernici, ha dei drammi strutturali: la zama usata é in realta un´emulsione di pseudo metalli poverissimi… che si sgretolano alla minima pressione. Ad aggravare la situazione indotta dalla povertá inaudita dei materiali, ci pensan bene le giunture, praticamente saldate. Risultato finale, alla minima manovra il GGGG si sgretola. Prologo ed epilogo della tragedia: molti di noi hann ricevuto un GGGG prima versione completamente disintegrato, causa sballottamenti nel viaggio. Io sono uno dei malcapitati: 370 euro spesi per un rottame. Il viaggio Japan-Italy é stato letale: all´apertura della scatola virginea mi son ritrovato con tanti monconi provenienti da braccia, gambe, alluci, bacini… del piu´ grande degli eroi; roba da piangere. E capita anche questo.

Ma passiamo alla recensione vera e propria, ovvero alla recensione della ristampa. Il GGGG é stato migliorato e di molto… metalli migliori, giunture serie, colorazione fatta bene e in oltre un set aggiuntivo di tre mani .

Un bel blocchetto di metallo, una piccola cassaforte. Bellissimo. Grazie alle sue forme inconsuete e all´assortimento elegantissimo dei colori su base nera é destinato ad essere uno dei punti su cui l´occhio si delizia ammirando una collezione che puó vantare la sua presenza.

Scatola a valigetta, come al solito per Max Factory, molto elegante  e con cartone grezzo protettivo. Troviamo all´interno: il solito libretto di istruzioni semi artigianale (bianco e nero) il solito paio di guantini di cotone, e due alloggiamenti in polistirolo per il modello in se (e i suoi tanti accessori) e per lo stand espositivo e le grandi ali.

img_7364  gai11Ancora altre foto:

10036515a 10036515a2

Di seguito un´esaustiva video-recensione in lingua inglese:

Importante ricordare le versioni limitate a poche centinaia di pezzi del GGGG Max Factory nelle colorazioni Metallic green e Golden, ormai quasi introvabili ed a cifre folli.

GGGG_Gold6 GGGG_Green_KnifeGGGG_Max_group

Informazioni su stakio

collezionista e appassionato robot giapponesi!
Questa voce è stata pubblicata in Max Factory Max Gokin, Recensioni modelli e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...